Recensioni

Recensione “Una relazione” di Valentina Gaia e Stefano Sardo

Buongiorno ragazzi!
Oggi vi parlo di un romanzo!


Titolo: Una relazione
Autrice: Valentina Gaia e Stefano Sardo
Genere: Narrativa
Editore: Harper Collins
Pagine: 352
Data di uscita: 02/09/2021

Disponibile sia in ebook che in versione rigida
Link acquisto amazon 

Alice e Tommaso stanno insieme da quindici anni, vivono insieme, hanno anche comprato casa insieme, a Roma, la città in cui si sono trasferiti anni fa per lavoro. Insieme. Una sera invitano a cena i loro migliori amici perché devono fare un annuncio. Quelli pensano sia il matrimonio o un figlio in arrivo, ma Alice e Tommaso spiazzano tutti: hanno deciso di lasciarsi. Gli amici non ci possono credere. Proprio loro, la coppia perfetta? Vengono subito rassicurati: vogliono lasciarsi in modo graduale, senza rompere. Si vogliono ancora molto bene, anzi continueranno a vivere insieme fino a che non venderanno la casa. Insomma: sarà una separazione senza traumi. Ma è una cosa possibile? Può un cambiamento essere indolore? Come Alice e Tommaso, anche Valentina Gaia e Stefano Sardo sono stati, per tanti anni, fidanzati. Adesso che non lo sono più esordiscono con un romanzo che racconta l’amore, l’affetto e la difficoltà di restare fedeli ai propri sogni e contemporaneamente ai propri sentimenti.

Questo libro per me è stata una sorta di sfida. Mi ispirava molto la trama, ma essendo tratto da una storia vera non sapevo in che stile mi sarei imbattuta. Mi sono trovata piacevolmente sorpresa da questi due fantastici sceneggiatori, che pur non abituati alla prosa hanno creato comunque qualcosa di molto particolare.

La storia tratta di Alice e Tommaso, due ragazzi che stanno insieme da quindici anni e che hanno anche comprato casa. Sembra che il loro sia uno di quegli amori destinati a durare nel tempo, sono una certezza per tutti i loro amici. Anzi, ogni giorno gli viene chiesto quando si sposeranno.
Ma Alice e Tommaso hanno una sorpresa per gli amici, li invitano a cena e fanno un grande annuncio: si lasciano.

Tutti resteranno sconvolti dalla notizia, il che li porterà a credere che sia uno scherzo, ma Alice e Tommaso non scherzano e vogliono lasciarsi in un modo abbastanza particolare: una separazione graduale, lenta, per non far soffrire nessuno di loro. Nessuno pensa che ci riusciranno ma loro sono pronti a fargli capire che si sbagliano.

Se mai si prendessero la briga di ascoltarlo, vorrebbe spiegare loro che il mondo sta finendo. Che senso avrebbe restare imprigionati in modelli esistenziali che ci fanno soffrire?

Ma Alice e Tommaso riusciranno a portare a termini i loro buoni propositi? O anche loro si renderanno conto che è molto più difficile di quanto pensano restare amici quando il rapporto si è chiuso?

«Questa settimana voglio che tu ti prenda cura di te, coccolati il più possibile in questi giorni. E non metterti mai in discussione, mai. Hai capito? Non hai nulla da rimproverarti. E’ importante. Pensa solo a te. Sii egoista. E cerca di parlare.»

Può una coppia che è stata insieme per tanti anni rimanere amica? Valentina e Stefano, i due autori, sono stati insieme per molto tempo e hanno deciso di scrivere il libro quando l’amore è finito ma è rimasto l’affetto. Come a farci rendere conto, tramite le loro esperienze, che non è una cosa impensabile come spesso siamo portati a credere.

La narrazione l’ho trovata semplice, ma tecnica in qualche modo. I capitoli sono divisi nei giorni di separazione, ogni giorno rappresenta un paio di pagine che ci raccontano come se la cavano i nostri protagonisti. L’inizio è straziante per entrambi, l’abitudine di esserci sempre l’uno per l’altra li porta a volersi cercare, ricordandosi solo dopo di non stare più insieme. Più andiamo avanti maggiore è il loro distacco, ma si vede che quel legame non riesce a spezzarsi, come se uno dei due fosse sempre pronto a riattaccare quel nastro che li ha divisi.

Ho trovato la separazione descritta in maniera magistrale, si vede che i due autori ci sono passati personalmente, il distacco graduale, quel cercarsi spesso, la rabbia e il dolore. Sono tutti sentimenti che trapelano dalle pagine e che arrivano fino al lettore.

Unica pecca che ho riscontrato sono i tanti dialoghi interiori dei protagonisti, che in un libro del genere devono esserci, ma che a volte affaticavano un po’ la lettura.

Per il resto credo che questo libro meriti davvero tanto, vi consiglio di leggerlo e di guardare il film non appena uscirà nelle piattaforme online! E’ stato da poco presentato al Festival del Cinema di Venezia.

Voto:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...